Crea sito

Alzheimer precoce: esame del sangue può prevenirlo

Alzheimer precoce: esame del sangue può prevenirlo

Alzheimer precoce: esame del sangue può prevenirlo

Eccoci ad una bellissima notizia che può dare speranza a migliaia di persone che ogni giorno lottano contro il morbo di Alzheimer.

È di certo una delle nostre ‘Notizie che fanno bene‘.

La notizia arriva da uno studi condotto da un gruppo di ricerca. La collaborazione è tra l’Università di Washington in collaborazione con il Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (Dzne).

Com’è noto, nel momento in cui questa malattia neuro-degenerativa si manifesta, è ormai tropo tardi per il paziente che a poco a poco perde le sue funzioni cognitive.

Invece, questo gruppo di ricerca, ha messo a punto un test, un semplice esame del sangue, per smascherare il danno cerebrale quando ancora non si è manifestato, dando vita di fatto ad una prevenzione importante.

Vediamo in cosa consiste.

Alzheimer precoce: esame del sangue può prevenirlo

La ricerca importantissima è stata pubblicata sulla rivista ‘Nature‘.

In genere, quando si studia l’Alzheimer, si analizzano i suoi marcatori, che sono le proteine beta-amiloidi.

In questo caso invece si sono concentrati sulla Nfl, una proteina filamentosa che entra a far parte della struttura costitutiva dei neuroni. Il meccanismo è semplice, se si vuole.

Quando i neuroni muoiono o sono danneggiati, che poi è ciò che accade nella sindrome dell’Alzheimer, dalle cellule esce proprio quella proteina.

La Nfl entra in circolo, nel sangue, e con un test non invasivo si può rilevare.

Un esame del sangue non invasivo per scoprire l’Alzheimer con anni di anticipo

Questo è un altro aspetto positivo dello studio.

L’esame non è invasivo, e permette di capire se c’è un danno cerebrale in corso mentre si sta verificando, e non anni dopo, quando è ormai troppo tardi.

In questo modo si è pronti, e si possono mettere in moto terapie e comportamenti di prevenzione in una fase che può fare davvero la differenza.

Inoltre, non essendo un marcatore specifico della malattia di Alzheimer, la presenza di quella proteina nel sangue può individuare anche altri danni.

 

 

Ti potrebbe interessare anche...