Crea sito

Bollette: la prescrizione scende a due anni, cosa bisogna sapere

Bollette: la prescrizione scende a due anni, cosa bisogna sapere

Bollette: la prescrizione scende a due anni, cosa bisogna sapere

Chi si riconosce in questa fotografia alzi la mano!

Bene, ci siamo tutti.

Perché alle bollette, si sa, non scappa nessuno.

Ma se si parla di bollette pazze, di disservizi, di fatture arrivate dopo anni e anni (dopo che magari ci si è trasferiti) e soprattutto se si parla di maxi conguagli esorbitanti magari pure sbagliati, allora i consumatori hanno diritto ad essere tutelati.

Ed ecco allora la buona notizia di oggi, una ‘Notizia Free‘, cioè una notizia che fa bene alle nostre tasche.

La prescrizione delle bollette è scesa a due anni, e ci sono delle cose che si devono conoscere per tutelarsi al meglio.

Vediamole.

Il postino suona sempre due volte


Bollette: la prescrizione scende a due anni, cosa bisogna sapere

Eh no, in quest caso deve suonare una volta sola, e pure nei tempi giusti.

Perché se la società fornitrice ha ritardato la fatturazione, la bolletta è prescritta e non si dovrà pagare.

Questa è la novità entrata in vigore il 1° gennaio 2019.

Le bollette di luce, gas e acqua ‘scadono’ dopo due anni e se non ci sino state mandate, peggio per loro.

Il concetto è giusto, non si può vivere la bolletta come una spada di Damocle. Le società che forniscono i servizi devono muoversi nei tempi giusti.

Non vale per il telefono, attenzione.

Stop ai maxi conguagli

Bollette: la prescrizione scende a due anni, cosa bisogna sapere

 

Ecco un’altra importante novità

Proprio quando si credeva di aver saldato tutto, magari a distanza di anni arriva il maxi conguaglio!

Cifre stratosferiche che pesano come un macigno.

Ebbene, vale lo stesso principio. Se la bolletta arriva dopo due anni, ciao ciao al conguaglione!

Attenzione a queste cose:

  • La riforma dei termini di prescrizione riguarda sia i consumatori privati che le microimprese, i professionisti e le società
  • La prescrizione della bolletta opera solo se prima della scadenza del termine non si è ricevuto un sollecito di pagamento con raccomandata a/r o con posta elettronica certificata (p.e.c.)
  • Resta di cinque anni la prescrizione delle bollette del telefono e di tutte le altre utenze.

Bollette: la prescrizione scende a due anni, cosa bisogna sapere

Bollette: la prescrizione scende a due anni, cosa bisogna sapere

Fate sempre molta attenzione alla data di “consegna” della lettera e non a quella di “spedizione”.

Cioè, se la compagnia del gas spedisce entro i termini ma il postino ve la consegna dopo, peggio per loro.

Infine, se l’utente ha presentato un reclamo all’Autorità per l’energia elettrica, o del gas e dell’acqua,  «a diritto alla sospensione del pagamento finché non sia stata verificata la legittimità della condotta dell’operatore.

Ti potrebbe interessare anche...